Cicatrici ipertrofiche e cheloidi

Domanda

Gentile Dottore,
ho un problema legato a delle cicatrici addominali provocate da intervento chirurgico.
A causa di un’appendicite in peritonite ho subito 3 interventi chirurgici che mi hanno lasciato delle cicatrici molto evidenti su tutto il tratto addominale. Soprattutto il terzo intervento mi ha lasciato una cicatrice di 18 cm che attraversa la pancia fin sopra l’ombelico. Nonostante i chirurghi abbaino cercato di fare delle buone cicatrici, purtroppo la mia pelle ha tendenza ai cheloidi, per cui le cicatrici si sono allargate e sono rimaste dure, di colore scuro e sono insensibili. Vorrei sapere se esiste un modo per eliminare questo inestetismo che mi provoca disagio soprattutto nel periodo estivo o quanto meno se esiste un modo per ridurlo.
Cordiali saluti

Risposta

Innanzi tutto bisogna porre diagnosi differenziale tra cicatrice ipertrofica e cheloide. La prima , molto più frequente , ha una evoluzione che , pur se a volte lentissima , va verso una soluzione spontanea e che può essere aiutata con terapia “contact media” cioè fogli di silicone, compressione ecc. ed infiltrazioni di cortisone. Queste ultime, se effettuate correttamente , cioè sicuramente intralesionali, e per questo necessitano dispositivi di iniezione particolari, hanno sempre efficacia. Il problema è che a volte possono risultare eccessivamente efficaci e trasformare una cicatrice ipertrofica in una ipotrofica, cioè slargata e molle , quindi vanno usate con attenzione e da mano esperta e solo, io ritengo, se sia passato infruttusamente almeno un anno.In casi estremi il reintervento di asportazione della cicatrice e confezionamento di una sutura con criteri estetici , seguita da un trattamento preventivo dell’ipertrofia , può trovare indicazione. I cheloidi costituiscono invece una evenienza molto più grave e fortunatamente più rara. Sono caratterizzati dal fatto che la formazione di tessuto esuberante supera i confini originali della lesione e cresce a dismisura come un vero e proprio tumore benigno. Il trattamento dei cheloidi è molto più complesso.La loro recidiva dopo escissione chirurgica è quasi la regola,. Rispondono poco o nulla alle terapie “contact media”. Possono trovare qualche giovamento dalle infiltrazioni di cortisone, ma rispondono molto lentamente. In entrambi i casi sono descritti risultati incoraggianti con un solo tipo specifico di laser : il “vascular-specific 585-nm pulsed dye laser” che facilita l’involuzione della componente vascolare e blocca l’ipertrofia.

Leave a Reply