ll “buccal fat pad removel”

Domanda

Salve
Vorrei  un informazione.
Sono un modello, e siccome per me è importante avere i tratti del viso definiti, nonostante abbia già i zigomi alti, e provato anche a definirli con filler, ma il risultato non è quello che mi aspettavo, anzi, hanno reso il mio viso troppo largo, volevo sapere se lei praticasse il buccal fat pad removel, ovvero la riduzione della bolla di bichat, per definire la mandibola e zigomi. Molti ragazzi che lavorano con me, hanno effettuato questo intervento, ma all’estero, perché quì sembra che nessuno lo pratichi Siccome ho letto che lei ha molta esperienza nel campo della chirurgia estetica, ho deciso di contattarla, e spero davvero che possa aiutarmi, perché dovrei definire anche il mento, siccome ci sono accumuli di grasso, sono piccole operazioni che per lavoro mi servirebbero, e molti modelli, che non hanno il viso definito, espressivo, cercano un chirurgo bravo che sappia effettuare questi piccoli ritocchi, che molti non fanno, perché definiti poco importanti. La ringrazio in anticipo per la sua risposta, spero che mi faccia sapere, anche, riguardo il prezzo della visita e di queste singole operazioni.
Grazie arrivederci.

Risposta

buccal-fat-pad-removel.jpgIl buccal fat pad removel è un intervento in realtà molto semplice , se eseguito i  sicurezza, cioè asportando accedendo dal cavo orale , il solo tessuto adiposo che ernia dopo una incisione. Alcuni praticano una vera e propria lipoaspirazione, che ritengo invece troppo pericolosa rispetto alla limitata importanza della problematica. Infatti in quella zona è presente il nervo facciale e la sua lesione, tenendo presente che il nervo o qualche suo ramo potrebbero anche avere un decorso irregolare, darebbe danni enormemente gravi. Il fatto è che la quantità di grasso che ernia spontaneamente potrebbe non essere abbondante, ma per effettuare l’intervento in sicurezza bisogna asportare solo quella .Quanto le abbiamo detto le spiega anche la ragione per la quale l’intervento non è molto diffuso. Speriamo di essere stati chiari.
Cordiali saluti
Lo staff della Renaissance

Leave a Reply